Vai al contenuto

Il crollo? Non è colpa di nessuno!

Salve a tutti,

il simposio di Jackson Hole offre al presidente della Fed – J. Powell – l’occasione per dare una spallata ai mercati azionari: la banca Centrale Usa è pronta a nuovi e prolungati aumenti dei tassi per contrastare la crescente inflazione, Wall Street nel giro di pochi minuti prende la via del ribasso e va a chiudere pesantemente. E’ colpa di Powell dunque? Sarà colpa di miss Lagarde se la Bce dovrà anch’essa muoversi, certo più cautamente, alla stessa stregua della Fed?

Dal crollo del 2008 fino allo scorso Dicembre abbiam assistito a rialzi inarrestabili dei principali indici di Borsa mondiali, il tutto in presenza di crisi politiche, minacce di lancio di missili, pandemie… e Wall Street ha visto avvicendarsi alla Casa Bianca presidenti democratici e repubblicani, eppure i mercati non hanno battuto ciglio inanellando 12 anni di rialzi consecutivi.

E tutti a dare dei geni ai presidenti delle Banche Centrali che stampavano soldi. Ovvio che a un certo punto non puoi più farlo così come non puoi mantenere i tassi a zero o negativi per sempre. Dunque di chi è la colpa? Di nessuno: è così, è il ciclo economico che si ripete ancora una volta, applausi a chi taglia i tassi e fischi a chi li rialza.

Torniamo pragmatici e cerchiamo di cogliere alcune opportunità di trading sulla Borsa americana con l’aiuto dell’analisi tecnica:

Per quanti si avvicinano all’analisi tecnica, abbiamo preparato questo video con alcune strategie e consigli di base:

Video analisi tecnica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: