Tag Archives: azioni

I grafici di oggi

Salve a tutti,

ancora volatilità e strappo al rialzo sul Petrolio dopo la notizia che Trump e l’ Opec programmano un incontro per tagliare la produzione, buona la risposta delle borse compreso il nostro Ftsemib, vediamo insieme alcuni grafici con l’aiuto dell’analisi tecnica, tra cui Saipem, l’indice Nikkei, il Ftsemib e altri…

Buon trading a tutti !

Scarica la nostra app gratuita per altre analisi esclusive e per usufruire di tanto materiale didattico! Clicca sotto per Apple Store o Play Store:

.logo iphone

.logo android

SOSTIENI IL NOSTRO BLOG CON UNA PICCOLA DONAZIONE

€10,00

30 marzo, i grafici di oggi.

Salve a tutti,

dopo una mattinata di debolezza gli indici di borsa acquistano forza e danno ancora spinta al rimbalzo, mentre scriviamo Wall Street è ampiamente positiva nonostante la pandemia del coronavirus che anche negli States è arrivata.

Ci rifacciamo sempre all’analisi tecnica per guadagnare in borsa e per analizzare i nuovi grafici di oggi, tra essi Brembo, Fiat, Tesla e altri…

Buon trading a tutti !

SOSTIENI IL NOSTRO BLOG CON UNA PICCOLA DONAZIONE

€10,00

Titoli Italia nel mirino.

Salve a tutti,

confusione, volatilità e assenza di direzionalità sui listini azionari globali, timori di recessione, banche centrali pronte a stampare e ristampare yen, dollari ed euro per stimolare la propria economia, occorre leggere i grafici azionari con la pura analisi tecnica tenendo a mente che per guadagnare in borsa è doveroso adottare un money management prudente, vediamo una ampia selezione di titoli italiani, tra essi Saipem, Pirelli, Intesa e molti altri…

 

Buon trading a tutti !

Vi invitiamo a fare il download gratuito della app di Scattacoltrend per altre analisi esclusive e per materiale didattico sul mondo del trading, potete cliccare al link che seguono per AppStore e PlayStore:

.logo iphone

.logo android

RECESSIONE 2020: CI SIAMO? di Massimo e Gian Michele Moschella.

Il Bureau of Economic Analysis degli Stati Uniti aveva appena rilasciato i dati sul Pil del quarto trimestre, (che hanno confermato le attese assestandosi al 2,1%), quando il numero delle richieste dei sussidi di disoccupazione ha ricordato la gravità dell’impatto del coronavirus sull’economia degli Stati Uniti.

Quasi 3,3 milioni di lavoratori hanno fatto richiesta di sussidi nell’ultima settimana terminata il 21 marzo.
Un esercito senza precedenti nella storia moderna degli Usa, cinque volte tanto il precedente massimo storico di 695.000 che risale all’ottobre del 1982.

Si tratta della risposta del mondo del lavoro americano alle misure di lockdown che, nei giorni scorsi, sono state implementate in 18 stati (che comprendono circa la metà della popolazione degli Stati Uniti, o un quinto della forza lavoro complessiva), per tentare di arginare la diffusione del Covid-19.

Secondo il Labor Department, la crescita esponenziale  delle richieste di sussidi è dovuta alle difficoltà in cui si sono ritrovati soprattutto i settori della ricreazione e della ristorazione che, prima di tutti, hanno subito l’impatto della misure di contenimento. Ma il dipartimento cita molti altri settori in forte difficoltà: quello artistico, dell’assistenza sociale, dei trasporti, del commercio al dettaglio e delle industrie manifatturiere.

La Pennsylvania guida la classifica con stime statali di 378.900 richieste, rispetto a 15.440 della settimana precedente, seguita dall’Ohio con 187.780 (contro sole 7.045 in precedenza), dalla California con 186.800, dal Texas con 155.660 e dal New Jersey con 155.450.
New York ha riportato 80.430 richieste contro 14.270 nell’immediato passato.

Ricordiamo che il dato ufficiale sulla disoccupazione del mese di marzo è atteso venerdì 3 aprile. Tuttavia lo stesso non rifletterà ancora appieno i traumi recenti.
Infatti le statistiche sulla disoccupazione sono calcolate sulla base di sondaggi e informazioni riportate da aziende e famiglie fino alla metà del mese di marzo.
I dati sulla disoccupazione rispecchieranno davvero i traumi del mercato del lavoro solo nel comunicato governativo dell’8 maggio relativo al mese di aprile.

Moody’s Analytics ha ventilato la cancellazione complessiva di cinque o sei milioni di posti di lavoro solo nel mese di marzo, record di sempre.
Nel peggior mese dell’ultima recessione, il marzo 2009, furono persi circa 800.000 posti di lavoro.
In tutto il periodo recessivo, cominciato nel 2008, ne andarono perduti 8.700.000.
Il tasso di disoccupazione americano, di fronte a simili prospettive, potrebbe portarsi oltre il 10% dai minimi record del 3,5%.
Nel corso del secondo trimestre, non si esclude che il tasso dei senza lavoro raggiunga invece una percentuale vicina al 12 e, in assenza di interventi che si rivelino efficaci (ma faccio difficoltà a crederlo), nei prossimi mesi potrebbe portarsi anche oltre il 20 per cento.

Il presidente della Fed Powell ha detto nei giorni scorsi che la banca centrale agirà “aggressivamente” per sostenere famiglie e imprese, dopo aver già annunciato la settimana scorsa un’allentamento della politica monetaria senza precedenti.
Intanto, il Senato Usa ha approvato il pacchetto di stimolo da 2.000 miliardi di dollari a sostegno delle imprese sofferenti e dei milioni di americani colpiti dalla crisi sanitaria. Si faranno anche i primi test di Helicopter Money con il versamento di circa 1200/2000 $ direttamente sul conto corrente dei residenti.

Molto difficile, allo stato, secondo la nostra opinione, evitare la caduta in recessione del paese a stelle e strisce. Quella di continenti come l’Europa è data invece per certa.

Chi ci ha seguito nei seminari del 2018 e del 2019, organizzati e gestiti con l’amico Gei, ricorderà che avevamo indicato una data abbastanza precisa dell’inizio della prossima recessione: estate 2020.

fotorece

Con il passare dei mesi, scandito dall’implementazione delle robuste politiche trumpiane, ci eravamo quasi convinti, felicemente, di aver bucato la previsione.

Poi a marzo la pandemia che ha provocato una decadenza profonda e veloce dell’output economico-finanziario.

Poichè il nostro fornitore di dati lavora su base mensile, dovremo attendere aprile per avere decine di grafici che esplorino il mondo in tutte le direzioni.

Al momento, vi mostriamo un unico grafico – aggiornato al 25 marzo – che sintetizza la curva del tasso del bond Usa a 2 anni fratto il tasso del decennale (grafico che vi abbiamo già mostrato nei precedenti incontri).

Anche nel 2020 la curva sta mostrando andamento analogo a quanto già occorso nel 2000 e nel 2007: fa un top, che coincide con l’avvio della liquidazione strisciante dei titoli finanziari, a cui segue l’inizio del periodo recessivo circa 14 mesi dopo.

Dunque il mondo, o buona parte di esso, dovrebbe entrare in recessione ad agosto (mese prima, mese dopo).

Ritorneremo sull’argomento più diffusamente il prossimo mese.

All the best

dott. Massimo Moschella

dott. Gian Michele Moschella

moschella padreefiglio

La salita non si ferma…

Salve a tutti,

è secondo noi Wall Street che ora più che mai dà le cadenze ai listini azionari (e non solo) di tutto il mondo, Trump vede il coronavirus come una normale influenza mentre i dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione lanciano segnali preoccupanti, e come al solito la borsa sale, convinta che ciò obbligherà la Fed (ancora!) a iniettare altri infiniti stimoli…

In Europa i morti in Spagna aumentano ma le borse “tengono”, il rimbalzo può durare ancora…

Vediamo ben 14 grafici aggiornati, tra essi Saipem, Fineco, il Dax…

Buon trading a tutti !

Analisi esclusive sulla nostra APP per cellualari Iphone e Android, fai il download gratuitamente cliccando sotto per AppStore e PlayStore:

.logo iphone

.logo android

 

SOSTIENI IL NOSTRO BLOG CON UNA PICCOLA DONAZIONE

€10,00

Fed senza limiti !!!

Salve a tutti,

fresca fresca la notizia del bazooka della Fed che mette in campo un QE illimitato (potenzialmente…) a sostegno dell’economia e delle borse, martoriate dall’ombra del coronavirus, anche se siamo convinti che ombre e nuvole ben più scure stiano per arrivare su wall Street e sull’azionario globale; detto ciò il Dow Jones e il Nasdaq sono comunque in rosso e il panic selling prosegue, miss Lagarde e mr. Trump crediamo ben poco possano fare contro un mercato che vuole scendere, molte azioni Usa sono salite per 12 anni di fila…

Passiamo ai grafici di oggi:

 

Buon trading a tutti !

SOSTIENI IL NOSTRO BLOG CON UNA PICCOLA DONAZIONE

€10,00

10 azioni Italia nel mirino.

Salve a tutti,

sembrava il preludio al fisiologico rimbalzo delle borse, quando nel tardo pomeriggio di venerdì Wall Street ha virato pesantemente in rosso: sembra che il panic selling sia tutt’altro che finito, le azioni di tutti i listini soffrono e continuiamo ad affidarci all’analisi tecnica anche in questo periodo dove il coronavirus è l’unico (o quasi) timone dei mercati, vediamo 10 azioni italiane, tra esse Bper, Eni e altre…

 

In esclusiva sulla nostra app videoanalisi approfondita (tecnica e ciclica) sul Ftsemib, Nasdaq, Dax e Gold, per fare il download gratuito su Iphone e Android clicca sul logo sotto:

.logo iphone

.logo android

Buon trading a tutti !

SOSTIENI IL NOSTRO BLOG CON UNA PICCOLA DONAZIONE

€10,00

« Vecchi articoli