Vai al contenuto

Dott. Benedetto Neroni: Trader o Investitore ?

MA TU LO SAI CHE COSA VUOI ?
Quando chiediamo alle persone che si approcciano per la prima volta al mondo della Borsa “Perché lo fai ? Cosa desideri ottenere ?” riceviamo spesso la seguente risposta “Voglio guadagnare soldi”.
E’ una risposta sconfortante e avvilente, perché “Voglio guadagnare soldi” NON SIGNIFICA NULLA e denota una totale mancanza di mentalità finanziaria, nonché una inconsapevolezza assoluta su come funzionano la Borsa e le attività ad essa collegate.
In Borsa, infatti, si può INVESTIRE o si può SPECULARE, ossia FARE TRADING.
E’ vero che tali attività rispondono entrambe alla domanda del nostro libro – “Dove gatto metto i soldi ?” – ma vi rispondono in modo completamente diverso.
Investire significa impiegare un capitale per acquistare uno strumento finanziario (in genere delle azioni) destinato a crescere di valore nel tempo: proprio questo aumento di valore un domani servirà a soddisfare necessità e aspirazioni personali.
Fare trading significa impiegare un capitale per uno strumento finanziario (in genere un CFD o un altro derivato) e cercare di rivenderlo il prima possibile a un prezzo maggiore (o minore, se si specula al ribasso).
L’investitore è colui che cerca un guadagno nel lungo termine puntando alla crescita di valore dei suoi investimenti per ottenere tale risultato è disposto a tenere immobilizzato il capitale investito per molto tempo (in media almeno 7 anni).
Lo speculatore è colui che cerca un guadagno nel breve termine puntando alla variazione del prezzo dello strumento finanziario acquistato: per questo motivo, egli detesta – e quindi, per quanto possibile, evita – una lunga immobilizzazione del
proprio capitale.
Un investimento è l’acquisto di un ETF (fondo di investimento diversificato ed efficiente) per avere più soldi tra 10 anni, quando si vuole andare in pensione.
Un “trade” è l’acquisto di un’azione – o di una coppia di valute (es. €/USD), o di un CFD su Bitcoin o sull’oro – per avere più soldi al massimo entro un anno (spesso anche prima, diciamo da un paio di settimane a qualche mese) per sfruttare un aumento (o una diminuzione) del prezzo dell’azione (o di altro strumento finanziario) stessa.
Investire non è migliore o peggiore di speculare/tradare.
Non c’è un meglio o un peggio tra le due cose. Ma sono due cose molto diverse, che rispondono a due esigenze e preferenze diverse.
Il problema qual è? Il problema o, per meglio dire, i problemi sono i seguenti:
1) Tali attività necessitano solo in parte delle medesime competenze e abilità ma, molto più spesso, richiedono capacità e attitudini differenti;
2) Sia l’investimento che il trading sono completamente sconosciuti al risparmiatore medio italiano, almeno nella loro pratica corretta.
3) Le persone, generalmente, NON SANNO COSA VOGLIONO, OSSIA NON SANNO SE VOGLIONO ESSERE INVESTITORI O TRADER e cosa ancora peggiore, non lo sanno perché NON CONOSCONO LE LORO ESIGENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE.
Per essere ancora più chiari e diretti: CONFONDERE L’INVESTIMENTO CON IL TRADING (E VICEVERSA) SIGNIFICA PROVARE A MANGIARE LA MINESTRA CON LA FORCHETTA E PROVARE A TAGLIARE LA CARNE COL CUCCHIAIO, OSSIA A FARE UNA FATICA ENORME PER OTTENERE ZERO BENEFICI E MOLTI DANNI…
Quanto all’ investimento: esso si risolverà nel comprare immobili (con tutte le
tasse che ci sono sopra !) e/o nel mettere i soldi nei nei buoni postali e/o nei
titoli di Stato (rendimenti pari a zero o negativi) e/o nel delegare la gestione
delle finanze al promotore finanziario (che si prenderà almeno il 3% di
commissioni per investire in un fondo azionario che NON FARA’ MAI MEGLIO
DEL MERCATO);
 Quanto al trading, generalmente esso viene praticato senza la benché minima capacità di analisi (tecnica, grafica, ciclica ecc.) e soprattutto senza la benché minima nozione del RISCHIO di ENORMI PERDITE che esso comporta, nonché con uso esagerato della leva (50, 100 o superiore) su prodotti derivati che non si conoscono.
EPPURE LA SOLUZIONE PER EVITARE TALI DISASTRI ESISTE..ED E’ DAVVERO SEMPLICE !!!
Leggendo il libro scritto in collaborazione con Enrico Gei “Dove gatto metto i soldi ?” imparerai i principi essenziali che muovono il mondo della Borsa e della Finanza, come ad esempio:
– La differenza fra investimento e trading;
– La differenza fra il prezzo ed il valore di uno strumento finanziario;
– La differenza fra un investimento attivo ed uno passivo (e perché quest’ultimo
sia decisamente migliore del primo);
– L’importanza di destinare all’ investimento e/o al trading soltanto una quota
della tua riserva di liquidità;
– L’importanza di pianificare un investimento anzitutto in ragione dei tuoi obiettivi ed esigenze personali (e solo secondariamente in base alle caratteristiche intrinseche dei vari strumenti finanziari, azioni, obbligazioni ecc.);
– L’importanza dell’orizzonte temporale (tanto nell’ investimento che nel trading);
– L’analisi tecnica, l’analisi grafica, il money management e gli altri, complessi, principi indispensabili per fare trading consapevolmente e con profitto.
DOVE GATTO METTO I SOLDI, IL LIBRO CHE SALVA IL TUO DENARO DALLE
CONSEGUENZE DELL’INCONSAPEVOLEZZA FINANZIARIA, E’ DISPONIBILE
NEI MIGLIORI NEGOZI ON LINE TRAMITE QUESTO LINK
foto benedetto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: